Indagini:
info@deiso.co.jp.
Tel: 03-5403-6479 (giapponese)
Tel: +1-361-298-0005 (inglese)
Fax: 0488-72-6373
Ore di lavoro:

Lunedì-venerdì 9:00-17:30 JST
Tranne le feste nazionali giapponesi.
Di ritorno

Qual è la differenza tra carbonio biogenico e non biogenico?

Sommario

Panoramica

Dato che funge da elemento costitutivo di tutti i composti organici, il carbonio è uno degli elementi più significativi sulla Terra. Attraverso la sua capacità di immagazzinare e trasportare energia e nutrienti tra componenti biotiche (viventi) e abiotiche (non viventi), il carbonio svolge una funzione cruciale nei sistemi ambientali. Il carbonio biogenico, che proviene da esseri viventi, e il carbonio non biogenico, che proviene da esseri non viventi come combustibili fossili o processi geologici, sono le due categorie fondamentali in cui il carbonio può essere separato. In questo articolo, definiremo prima il carbonio biogenico e poi lo confronteremo con il carbonio non biogenico in termini di origine, caratteristiche e impatti ambientali.

 

 

Qualsiasi sostanza organica creata da esseri viventi, come piante o animali, attraverso la fotosintesi o la respirazione, è chiamata "carbonio biologico". A causa della complessa struttura chimica del materiale organico, ha un elevato contenuto energetico che lo rende una fonte preziosa sia per la produzione alimentare (come le colture) sia per la potenziale formazione di combustibili fossili se sottoposto a temperature elevate per periodi prolungati (un processo noto come “maturazione termica”). A causa della loro ascendenza negli organismi viventi che ciclano continuamente i materiali nell'ambiente attraverso cicli di respirazione e fotosintesi, le forme biogeniche hanno tipicamente tempi di ciclo brevi, che vanno da giorni a decenni a seconda dei tipi di specie presenti all'interno di un ecosistema. Ad esempio, gli alberi sempreverdi in genere hanno cicli più lunghi rispetto a quelli decidui perché conservano le foglie tutto l'anno, offrendo loro maggiori opportunità per l'attività fotosintetica.

 

Le forme non biologiche hanno tempi di residenza molto più lunghi che possono variare da migliaia a milioni di anni prima di essere incorporate in nuovi cicli geochimici attraverso processi naturali come il disfacimento e l'erosione, ecc. Questi tipi sono principalmente prodotti direttamente o indirettamente da attività geologiche come vulcanismo, dove enormi quantità possono essere rilasciate rapidamente, o attraverso accumuli lenti e graduali che si assimilano in un lungo periodo assicurandone la presenza. Poiché le loro strutture chimiche sono più semplici di quelle delle loro controparti biologiche, i materiali non biologici hanno molta meno energia immagazzinata per unità di massa rispetto alle loro controparti biologiche. C'è meno energia potenziale che può essere rilasciata durante i processi di combustione comuni nelle società moderne (come le centrali elettriche che bruciano carbone o petrolio, ecc.).

 

Non si possono fare generalizzazioni perché le caratteristiche di ciascun tipo differiscono a seconda delle circostanze particolari prese in considerazione, ma ci sono delle tendenze, in particolare sui fattori che influenzano la salute e la resilienza della biodiversità: tempi di residenza più brevi: i materiali a base biologica mostrano spesso una maggiore diversità. Inoltre, a causa dei loro tassi più elevati di rifornimento di nutrienti, gli ecosistemi localizzati possono anche resistere meglio a disturbi come siccità e inondazioni rispetto a quanto farebbero senza l'accesso a tali materiali. sono in corso anche tentativi di mitigare il cambiamento climatico.

 

Questi due gruppi variano anche nel modo in cui interagiscono con l'ambiente quando vengono rilasciati: la durata della vita della CO2 prodotta biologicamente qui è tipicamente di 5 anni prima che venga nuovamente riassorbita sulla superficie terrestre, principalmente attraverso l'assorbimento da parte delle piante durante la fotosintesi, ma poiché questo non succede sempre, alcuni indugiano ancora molto più a lungo, specialmente se assorbiti nell'acqua dell'oceano dove i tempi di permanenza sono stati registrati per essere record di lunghezza fino a 30+ anni. Al contrario, le forme non biologiche non hanno lo stesso lusso perché in genere subiscono la trasformazione chimica più rapidamente, contribuendo ad accumulare rapidamente concentrazioni atmosferiche solo pochi decenni dopo il rilascio e aggiungendo effetti di intrappolamento del calore molto più rapidamente, creando scenari di riscaldamento globale accelerato. non visto storicamente nemmeno la storia recente. Questo deve essere considerato quando si prendono in considerazione le decisioni politiche per le generazioni future che affrontano sfide già abbastanza difficili.

 

Ultimo ma non meno importante, entrambi contribuiscono al pool totale di risorse disponibili e dovrebbero quindi essere visti nel loro insieme piuttosto che come entità separate per comprendere le implicazioni legate ai cambiamenti che si verificano a causa delle influenze antropomorfiche sulla vita quotidiana, che sono aumentare la preoccupazione di una coscienza pubblica più ampia e, in ultima analisi, informare le decisioni prese dai governi di tutto il mondo per garantire la sostenibilità per le generazioni future, indipendentemente dalle tendenze politiche o dall'ideologia

 

 

Sommario

Riassumere; contrariamente alla credenza popolare, le variazioni non biologiche, nonostante abbiano tassi di rotazione più lenti, accumulano comunque rapidamente atmosfera, aumentando notevolmente gli scenari di riscaldamento globale. Il carbonio di origine biogena ha periodi ciclici più brevi, consentendo una maggiore variabilità in termini di conservazione della salute della biodiversità, fornendo al contempo un rifornimento di nutrienti per mantenere l'equilibrio dell'ecosistema. tra gli altri gravi effetti, l'innalzamento del livello del mare Tutti devono testimoniare, quindi è necessario riflettere seriamente su tutte le scelte per massimizzare i benefici di qualunque decisione venga presa in ultima analisi per conto dell'intera popolazione del pianeta Terra.

 

Se ti è piaciuto questo post, iscriviti alla nostra newsletter gratuita per contenuti più preziosi! Iscriviti ora per articoli informativi, aggiornamenti del servizio, guide scaricabili e altro ancora. clicca qui!

Scopri la formazione DEISO: Approfondisci la formazione certificata e all'avanguardia di DEISO in materia di sostenibilità, valutazione del ciclo di vita (LCA), software e database LCA, contabilità dei gas serra, impronta di carbonio, dichiarazione ambientale di prodotto (EPD) e altro ancora. Scopri il nostro portfolio completo di formazione qui.

it_ITItaliano

Programmi di formazione

Vendite di fine anno.

Tutti i nostri programmi di formazione sono ora in vendita!

fino a 50% disattivato